Funghi Chiodo ... rarità prelibate della nostra Terra!

Italian Arabic Dutch English French German Greek Japanese Korean Russian Spanish Turkish

Ricette del giorno

Risotto alla crema di funghi porcini ed ortaggi

Preparare il riso basmati mettendolo nella pentola a freddo con l'acqua che appena supera il livello del riso. 

Leggi tutto...

Tortiglioni al Caviale vegetale

In un tegame far rosolare, in 5 cucchiai di olio, un aglio dimezzato ed il prezzemolo fin quando l’aglio non colori, quindi toglierlo dal tegame.

Leggi tutto...

Il M° Antonio Contin, micologo-ambientalista, è titolare dal 1971 della cattedra di A.A. Intaglio all'Istituto Statale di Arte di Castrovillari e vi coordina il settore audiovisivi.

Micologo dell'"Azienda Chiodo", ci ha messo gentilmente a disposizione le gallerie fotografiche presenti nella sezione "Sila e Funghi".

La sua inclinazione per la natura lo ha caratterizzato nel comprensorio come una autorità per quanto riguarda il Parco Nazionale del Pollino ed i suoi ecosistemi; per molti è punto di riferimento autorevole per quanto riguarda escursioni di carattere eco-naturalistico.

Tale attività gli ha consentito di approfondire i suoi studi redigendo interessanti ricerche nel mondo del sottobosco con particolare attenzione alla flora mediterranea e al comparto micologico del quale ha una notevole conoscenza che mette volentieri a disposizione di altri appassionati e conoscitori di funghi.

In Trentino ha conseguito il titolo di Micologo.

Il suo amore per la natura lo ha portato a divenire specialista in trekking e passeggiate di carattere tecnico scientifico. Del Pollino e di quanto si cela in esso, ha un ottima conoscenza, tanto da essere documentato fotograficamente come pochi altri.

Relatore a molti convegni e tavole rotonde con fini di rivalutazione e salvaguardia del bene ambiente e delle produzioni agroalimentari. Ha partecipato in qualità di esperto naturalista-micologo a trasmissioni televisive come Uno mattina, TG2, TG3
Offre consulenze e materiale fotografico a molti editori, giornalisti e operatori dell'informazione.

Rivolgersi ai giovani, come primi interlocutori per una maggiore cultura ambientale, sia essa rivolta alla salvaguardia dei funghi o di qualsiasi altro elemento naturale, significa gettare i semi per un futuro migliore, atto a preservare quanto l'ingordigia degli adulti sta distruggendo.